Libri di marzo 2015

Marzo 2015 è stato un mese molto ricco e il post è un po’ lungo. Marzo per me è sempre un mese di nuovi inizi (per esempio due anni fa ho aperto questo blog) Qui racconto un po’ di fatti miei e nella seconda parte del post scrivo i commenti ai 4 libri che ho letto. Buona lettura ❤

Particolare del bagno delle donne della sede di Google Italia, Milano. Poi non dite che non mettono al centro l'utente!
Particolare del bagno delle donne della sede di Google Italia, Milano. Poi non dite che non mettono al centro l’utente!

Sono andata nella sede di Google italia alla conferenza Smart Publishing. Hanno presentato un sistema cloud per editori gestito da google*.Ho scoperto che la sede non solo è bellissima ma i colori dei microfoni degli speaker sono coordinati con i colori del logo Google  (foto qui). Quando sono andata in bagno ho scattato la foto che metto qui sopra: sono assorbenti! nel bagno delle donne!  quando Google dice che mette al centro l’utente dice davvero!

foto di Instagram @ale9ssandra
foto di Instagram @ale9ssandra Il BookPrideMi lo fanno nell’edificio rosso alla fine della via.

Sono stata al Bookpride di Milano dove ho comprato un sacco di libri e me ne hanno anche regalati molti.  Tutti i blogger che volevo incontrare sono andati il sabato mattina. Il sabato mattina io dormo o gioco a tennis, quindi non ho incontrato nessuno di quelli con cui ci eravamo accordati: mi dispiace e spero ci saranno altre occasioni. Comunque con calma, verso le 16,30 di sabato pomeriggio,  nel momento in cui  una banda musicale di 15 elementi – con tanto di trombone e tamburi – suonava passeggiando nello spazio – minimo- tra gli stand, (?!), sono andata a fare questo famoso giro al Bookpride e sono stata molto felice di incontrare e salutare Luca, Valentina, Shulim e tutti gli altri. (non mattinieri).

 Galleria Vittorio Emanuele, Milano foto di @Ale9ssandra
Galleria Vittorio Emanuele, Milano foto di @Ale9ssandra

Sono stata alla mostra di Leonardo da Vinci: è una mostra interattiva e multidisciplinare dedicata a Leonardo artista e ingegnere. Molto bella e la consiglio. (l’hanno già prolungata due volte quindi siamo tanti a consigliarla, direi) La foto qui sopra è la Galleria Vittorio Emanuele di Milano vista dall’alto alle 21 di sera. Una visuale alquanto insolita ed esclusiva per vedere la galleria che si può ammirare dalle finestre del palazzo in cui è ospitata la mostra (che chiude alle 23). La foto, scattata da me, fa un po’ schifo perché non ho osato aprire la finestra prima di scattarla: se andrete a visitare la mostra vi godrete uno spettacolo migliore di quel che ho ripreso io!.

Mostra interattiva di Leonardo, Milano
Mostra interattiva di Leonardo, Milano

Leonardo era prolifico sia come ingegnere che come pittore: ci vuole tempo per apprezzare tutta la mostra. Se avete poco tempo fate un veloce giro esplorativo e poi scegliete le cose che vi interessa di più scoprire  e concentratevi su quelle. Per esempio io e Max abbiamo fatto un giro completo poi ci siamo concentrati su Leonardo Artista. Abbiamo giocato a dipingere l’Ultima cena con uno schermo interattivo. Funziona come un videogioco di ruolo dove devi trovare gli indizi prima di poter dipingere l’opera. Tu sei Leonardo e ogni volta che scopri un indizio vai avanti nel gioco: devi cercare i pennelli, le corde, i ponteggi e tutti gli strumenti che  servono per dipingere l’Ultima Cena. Questo modo è molto intelligente perché fai una specie “restauro digitale” dove è possibile ammirare particolari e colori che sono andati sbiaditi nel tempo. Operativamente ci si mette in piedi davanti a uno schermo cliccabile, si gioca uno o due per volta e quindi se andate in un giorno dove c’è molta gente rischiate di non riuscire a giocare. Ho giocato anche con la Gioconda e il suo restauro.  Se, invece, preferite le opere di Leonardo ingegnere potete guardare  oltre 200 macchine interattive e modelli fisici che non sono mai stati ricostruiti prima d’ora come il Leone Meccanico, il Sottomarino meccanico e la Macchina volante di Milano. Se volete potete giocare anche a costruire questi: la macchina volante di Milano è una figata unica e se immaginate a Leonardo che la progetta avrete voglia di mettervi a urlare “sei un cazzo di genio, Leonardo”. Poi se vi piacciono ci sono anche tutte le armi, gli strumenti musicali etc vabè ora la pianto perché in questo post volevo parlare di libri e non di Leonardo.  Clicca qui per le informazioni sulla mostra. 

10986098_408439279330819_1663022911_nil 28 marzo sono stata invitata all’inaugurazione del Mudec (grazie!bellissimo posto) di cui seguirà – presto – un bel post fotografico.

A Marzo ho letto 4 libri.

  • Mille splendidi soli, di  Khaled Hossein
  • Salone per signora, Erica Barbiani
  • Mentre la città bruciava  Shulim Vogelmann
  • L’ultima lettera d’amore Jojo Moyes

Come al solito li commentiamo con la legenda.

LEGENDA

*: lasciamo perdere

**: fosse stato uno sconosciuto non l’avrebbero pubblicato.

***: libro godibile/carino

****: libro che lascia qualcosa/ha un plus

*****: #LIBRIBELLI libri che hanno sempre qualcosa da raccontare, che rimangono nel tempo.

 

foto di Instagram @ale9ssandra
foto di Instagram @ale9ssandra

Ho letto Mille splendidi soli, Khaled Hosseini. Mi hanno regalato questo libro a Natale (grazie!). “Non puoi impedirti di essere quello che sei.”  Qui la recensione perchè l’ho messo tra i #LIBRIBELLI

foto di Instagram @ale9ssandra
foto di Instagram @ale9ssandra

Ho letto Erica Barbiani, Salone per signora. L’ho acquistato al BookPrideMi e l’ho divorato in un paio di giorni – complici anche 7 ore di treno consecutive. E’ un libro di esordio di Erica Barbiani e l’ho scelto perchè ho aperto una pagina a caso e mi ha convinto il modo in cui erano scritti i dialoghi. Intrattenimento piacevole, è ricco di humor, ci sono delle situazioni che mi hanno strappato qualche risata. Mi sono piaciuti gli intrecci assurdi – c’è tutta una storia sui peperoni transgenici che aumentano l’energia sessuale. C’è un salone da parrucchieri, un convento, questi famosi peperoni, una gara internazionale di parrucchieri, una giornalista che è una scopa in culo come alcune giornaliste milanesi…***: libro godibile/carino

Mentre la città bruciava
Mentre la città bruciava

Ho letto Mentre la città bruciava di Shulim Vogelmann.  Mi è piaciuto, davvero molto, sia per la freschezza e la vitalità con cui è scritto, sia perché affronta una tematica spinosa in modo diretto e semplice. Un ragazzo ebreo italiano, Shulim, va in Israele dopo la maturità, per imparare l’ebraico e riflettere su cosa significhi essere ebrei oggi. Sarà che Shulim è nato due anni prima di me, in Italia come me, ma io, che non sono ebrea, mentre leggevo mi sono trovata  a riflettere con lui sull’ebraismo, su Israele, sulla Palestina e su tutta una serie di questioni talmente intricate, spinose e dolorose che tendiamo a non affrontare mai…a torto. Mi è piaciuto Mentre la città bruciava: è un viaggio durante il quale l’autore ti prende per mano  e ti fa conoscere Israele. Diciamo che avere una persona così vicina per età e nazionalità che spiega in modo emotivo perché Israele deve esistere è un’opportunità da non perdere. E anche le domande più faticose, che rimangono molto faticose e a cui è impossibile rispondere, assumono una forma più lieve quando sono espresse da uno simile a te, e che come te, non si accontenta delle prime facili risposte.

****: libro che lascia qualcosa/ha un plus 

Qui un po’ di foto che ho fatto, con l’iPhone, nel mio viaggio attraverso Israele nel 2012. Così vi fate un’idea.

un
una signora completamente velata  fa un bagno nel mar morto con il marito e mi sorridono mentre le scatto una foto dalla spiaggia, in bikini…Foto di ale9ssandra
Eilat,Israele, foto di @Ale9ssandra
Eilat,Israele, foto di @Ale9ssandra
Gerusalemme, foto di @Ale9ssandra
Gerusalemme, foto di @Ale9ssandra
Gerusalemme, foto di @Ale9ssandra
Gerusalemme, foto di @Ale9ssandra
Gerusalemme, foto di @Ale9ssandra
Gerusalemme, foto di @Ale9ssandra
persone in preghiera al santo sepolcro, Gerusalemme foto di @Ale9ssandra
persone in preghiera al santo sepolcro, Gerusalemme foto di @Ale9ssandra
Uomini in preghiera durante lo shabbat. Le donne osservano attraverso una grata. Foto di @ale9ssandra
Uomini in preghiera durante lo shabbat. Le donne osservano attraverso una grata. Foto di @ale9ssandra
Città Vecchia - Gerusalemme foto di @Ale9ssandra
Città Vecchia – Gerusalemme foto di @Ale9ssandra

 

Il deserto roccioso di Wadi Zeedi. #israele
Il deserto roccioso di Wadi Zeedi. dove abbiamo dormito. sotto le stelle. #israele
lungo la strada abbiamo trovato una rosa di Gerico o rosa del deserto. Israele foto di @ale9ssandra
lungo la strada abbiamo trovato una rosa di Gerico o rosa del deserto. Israele foto di @ale9ssandra
foto di Instagram @ale9ssandra
foto di Instagram @ale9ssandra

Ho letto L’ultima lettera d’amore di Jojo Moyes. Il libro mi è stato regalato al BookprideMi. Non avrei mai comprato un libro con questa copertina perchè mi ricorda un Harmony e gli Harmony mi annoiano. Quando leggi un Harmony sai che ti troverai di fronte a due situazioni base. In una c’è una ricca ereditiera/donna in carriera che si innamorerà del focoso operaio/avventuriero che è l’uomo della sua vita nell’altra c’è una ingenua fanciulla/povera ragazza che si innamorerà del giovane miliardario/ricco principe che è l’uomo della sua vita. (le 50 sfumature sono basate su questo stereotipo). Insomma io sono un tipo curioso e se so già cosa succede non mi diverto. Quindi ero prevenuta.

Beh, mi sono sbagliata. Ci sono due storie d’amore che si intrecciano, in due epoche storiche differenti: gli anni 60 a Londra e i giorni nostri, sempre a Londra. Sembra che le due storie d’amore possano finire in qualunque modo e ciò che succederà vi sorprenderà…Mi è piaciuta l’alternanza di linguaggi tra le lettere manoscritte che si mandavano negli anni 60 e il linguaggio amoroso fatto di chat, email, sms di oggi. L’autrice è stata molto brava a riportare le diverse sfumature della lingua dell’amore: rimane un po’ di nostalgia, chi di noi romantiche, non vorrebbe una lettera manoscritta, indirizzata proprio a noi, scritta da un uomo molto innamorato e capace di esprimere magistralmente i suoi sentimenti? Eh.

Ringrazio la ragazza della Elliott che mi ha regalato il libro perché mi sono commossa moltissimo e mentre lo finivo (sempre sul solito treno, nelle 7 ore di ritorno) lacrimavo da un occhio e Max mi diceva “ma che cosa ti hanno dato da leggere che piangi così?” e io tra le lacrime “una bellissima storia d’amore” (scena patetica, andiamo avanti!) ***: libro godibile/carino

Bello sto blog,  voglio leggere altro!: 

  • Se vuoi leggere i post sui #LIBRIBELLI: inizia qui.
  • Se vuoi leggere i post sulla FELICITA’ inizia qui
  • Se vuoi leggere i post su Raccontiamo MILANO: inizia qui 
  • Chi sono QUI

* Questo è il Bigino che mi ha chiesto Fabio. Tutta la conferenza è stata sui prodotti Noovle: sono i  prodotti cloud di google per le aziende. C’è una versione avanza di google docs, google drive, back end, app workflow management system. Puoi lavorare anche offline e poi sincronizzi il tutto quando sei on line. Non hanno studiato un sistema specifico per l’editoria: non c’è stato nessun adattamento software per il nostro workflow editoriale. Quindi mah. Pensavo qualcosa di fantasmagorico alla google o almeno di capire meglio cosa fa Google for education  e invece mi han presentato Gmail e Cloud, ma per aziende: google for work.

 

12 Comments Add yours

  1. Aldievel ha detto:

    Sembrerà polemica come domanda, ma ti assicuro che non lo è. Riguardo al libro di Vogelmann: nella situazione attuale chi vede minacciato realmente il proprio «diritto ad esistere»? A mio avviso non Israele.
    Ciao

    Mi piace

    1. Una lettrice ha detto:

      ciao, grazie per la domanda.
      Sono una lettrice: quando ho letto il suicidio di Durkheim non ho pensato a togliermi la vita, eppure ho appezzato il testo. Leggere significa soprattutto aprirsi a nuovi punti di vista, essere curiosi, esplorare.

      Liked by 1 persona

      1. Aldievel ha detto:

        Ciao,
        hai perfettamente ragione sulla curiosità e sull’esplorare. Per il resto penso che la divergenza sia ricunducibile a punti di vista differenti sulla questione “spinosa” a cui hai accennato nel post.
        L’unica sopravvivenza realmente minacciata, ad oggi, è quella dei palestinesi. Israele esiste, ha diritto ad esistere e per sua fortuna non ha da temere – militarmente parlando – nessuno.
        Ciao

        Mi piace

  2. Michele ha detto:

    Per Aldievel, un esempio, uno dei più recenti, uno dei tanti. http://www.newsmax.com/Newsfront/Iran-Israel-destruction-annihilation/2015/04/01/id/635729/

    Mi piace

    1. Aldievel ha detto:

      Grazie per il link.
      Certo, a parole i nemici sono molti, anche a causa di una politica israeliana a dir poco scellerata.
      Tuttavia sai dirmi chi potrebbe realmente minacciare l’integrità di Israele? Con quali mezzi?
      Ciao

      PS
      mi fermo a questa risposta, la discussione sarebbe molto lunga e non ritengo corretto occupare uno spazio non mio con queste discussioni (che tra l’altro riguardano in minima parte il tema del post).

      Liked by 1 persona

      1. Una lettrice ha detto:

        “non ritengo corretto occupare uno spazio non mio con queste discussioni,” Io amo i miei follower. I miei follower sono persone intelligenti. Grazie!
        Se vuoi apro un post apposta ( lo chiamiamo POSTAPPOST! ahahah) copio incollo la “recensione” sul libro di Vogelmann e vi potete scannare cioè confrontare finché vi pare. Vuoi?

        Liked by 1 persona

      2. Aldievel ha detto:

        Sei gentile e carina, grazie! Però non sarebbe corretto nemmeno nei confronti di Vogelmann, dato che il suo libro non l’ho letto e non lo leggerò a breve (e magari è anche bello).
        Visiti i mille ottimi spunti che concede il tuo blog, non credo mancheranno le occasioni per scannarsi (ehm, discutere)!
        Ciao Alessandra!

        Mi piace

  3. Valentinadhara ha detto:

    Anche a me la Moyes ha stupito con “Io prima di te”, che sinceramente pensavo fosse la solita storiella alla Kinsella. Invece anche io mi sbagliai, e dato che ti è piaciuto proverò a leggere pure questo libro 🙂

    Mi piace

    1. Una lettrice ha detto:

      brava! hai detto bene “la solita storiella alla Kinsella” è un genere di libro che non apprezzo perché non mi dice niente di nuovo. Invece la Moyes – autrice di best seller, come si definisce – ha qualcosa da dire.

      Liked by 1 persona

      1. Valentinadhara ha detto:

        Non capisco perché si ostinino a pubblicarli quei libri, ma evidentemente è l’unico modo per riuscire a fare soldi -.-“

        Liked by 1 persona

      2. Una lettrice ha detto:

        piacciono. Ma sono anche convinta che una donna li compri per “andare sul sicuro”: vuoi un libro divertente, leggero e compri ciò che conosci. Credo sia a volte una mancanza di conoscenze dell’alternativa che ti porta a comprare sempre quelli. Magari conoscesero Stefania Bertola o i libri che ho citato in questo post, proverebbero altri scrittori. In fondo è per questo che scrivo questo blog; consigliare LibriBelli.

        Liked by 1 persona

      3. Valentinadhara ha detto:

        Esattamente! Concordo a pieno 🙂

        Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...