La storia di un matrimonio di Andrew Sean Greer

“L’oggetto del nostro amore esiste soltanto per frammenti, una decina se la storia è appena cominciata, un migliaio se l’abbiamo sposato, e con questi frammenti il nostro cuore fabbrica una persona intera. Ciò che creiamo, supplendo alle lacune con l’immaginazione, è l’uomo che vorremmo. E meno lo conosciamo, più l’amiamo, ovviamente.”

La storia di un matrimonio di Andrew Sean Greer, pubblicato da Adelphi, è ambientato nell’America degli anni 50, dove la guerra mondiale sì è appena conclusa ma sono ancora vivi gli echi e le tensioni generati dal conflitto. A San Francisco, città dove è ambientata la storia, una famiglia come tante madre, padre e bambino, vive una vita come tante altre.

Come accade con i libri e in particolare con i libri Adelphi  l’immagine di copertina – la porta con un velo squarciato della foto pubblicata sotto – spiega la trama del romanzo.  Il libro svela, ossia toglie il velo, segreti dei due coniugi rimasti sepolti anni. Un susseguirsi di colpi di scena irrompe nella realtà e squarcia il fragile velo dell’equilibrio esistente nella coppia e nella famiglia. Lo stupore del lettore, di fronte alla non linearità dei sentimenti amorosi, è fuori luogo.
L’accettazione, senza giudizi e pregiudizi, sarebbe il sentimento da applicare, insieme all’atteggiamento di curiosità continua verso l’altra persona.  A volte il lettore, di fronte all’ennesimo cambio di rotta della trama, alza gli occhi al cielo mormorando tra sè “ma dai, è inverosimile”, ma la voglia di arrivare alla fine sospende i sentimenti di incredulità. La frase che riassume meglio il libro è “Crediamo tutti di conoscere le persone che amiamo” e invece.

 

1017543_10152576560696882_7702214315073078553_n10403536_10152576560801882_7298810843092073513_n 10462921_10152576560906882_696265852552025832_n

 

2 commenti Aggiungi il tuo

  1. adour ha detto:

    Spesso i grandi libri o come dici tu #sololibribelli
    sono quelli che ribadiscono quello che noi sappiamo già,
    che nessuno è mai “quello che è”,
    poiché “quello che è”, spesso,
    è solo l’immagine distorta che noi vogliamo (desideriamo) costruirci dell’altro,
    solo che lo abbiamo depurato dei “se” e dei “ma”
    (una garanzia di rassicurazione,propedeutica ad ogni unione)

    E quella nebbia che ci oscura l’animo,una volta scoperto l’altro,
    non deriva dallo scoprire una nuova persona che non ci sembrava conoscere,
    ma spesso è la stessa persona solo con tutti i suoi “se” e i suoi indelebili “ma”

    un sorriso 🙂
    PS un gran bel libro senza se e senza ma.

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...